GUFO BUFFO

https://www.youtube.com/watch?v=4gzpp8jweao

GUFOBUFFO

“FAVOLE ESTRATERRESTRI” 20/5 ore 17

A seguire laboratorio di creazione extraterrestri 

“STORIE DEL BOSCO” in collaborazione con Teatrino l’isola felice 21/5 ore 17

A seguire laboratorio di creazione volpine 

pupazzi da tavola 

Gufo buffo.jpg

Paolo Edoardo Grasso entra a far parte della compagnia Il Dottor Bostik nel 1987, partecipando a numerosi spettacoli concepiti come sperimentazione di nuovi linguaggi nel campo del teatro di figura, tra cui “Capolinea”, “Comune Multiplo”, “La valle del caos”.
Partecipa, inoltre, agli spettacoli “Pierino e il lupo” e “Dinos” con il
Teatro del Buratto di Milano, e a “Blu Luna” con il Teatro dell’Angolo di Torino.
Con lo pseudonimo
Il Gufobuffo produce i seguenti spettacoli:
“L’omino del futuro”, “Acqua a catinelle” ovvero “L’arca di Noè” , “Principe per un giorno” , “I tetti e la luna” , “Biancogiallorossoblu” , “Favole di amicizia” ovvero “Favole extraterrestri” , “Favole di animali” (nel 2003 vince a Pinerolo il concorso
Prima Vetrina Teatro di Figura del Piemonte), “Saltapicchio” (nel 2009 vince a Varallo la seconda edizione dell’Europuppetfestivalsesia-Sezione Bambini), “Storie di animali fantastici” , “Lo scienziato pazzo” , “Palle Palline Palloni” , “Storie di neve”.
Spettacoli, laboratori e corsi perseguono una ricerca personale sull’uso dell’oggetto quotidiano trasformato e sui materiali poveri e di recupero.
Interviene come animatore di pupazzi nella trasmissione “Glu Glu” in onda su RAI YoYo.
Dal 2010 è direttore artistico del Festival di teatro di figura
San Giacomo in Festival, a San Giacomo di Roburent (CN).
Dal 2010 collabora con
Il Teatrino dell’Isola Felice di Padova, con il quale ha prodotto gli spettacoli: “Storie di luna” (con pupazzi fluorescenti), “Storie del bosco” (con pupazzi realizzati con materiali naturali), “Il postino con le ali” (con pupazzi fluorescenti e luminosi).
Nel 2014 riceve il
Premio Nazionale ai Bravi Burattinai d’Italia dall’Associazione “Amici dei Burattini” di Silvano d’Orba, con le seguenti motivazioni: “per aver costruito un proprio linguaggio estetico fresco e moderno che permette al mondo degli oggetti di narrare il quotidiano ma anche il fantastico; per il suo modo di raccontare poetico e fortemente ispirato al gioco, in sintonia con il linguaggio dei bambini”.

All’interno del festival propone “Favole Extraterrestri”

Un viaggio su sette pianeti lontani, sette brevi storielle in cui i Cubetti sempre seri non sopportano i Tondi sempre allegri, ai Morbidi fanno senso i Ruvidi, i Caldi non vanno d’accordo con i Freddi.
Ma a poco a poco tutti riusciranno a fare amicizia, sempre grazie ai bambini che giocano e vivono insieme, senza badare alle differenze.
Lo spettacolo, oltre a mettere a confronto fisicamente elementi e materiali antitetici (freddo-caldo, morbido-ruvido, tondo-quadro etc.), stimola l’interesse per l’intercultura e l’importanza della convivenza tra razze diverse

Tecnica: pupazzi animati a vista

A seguire un laboratorio per la costruzione di alieni buffi con materiali di riciclo

e “Storie del bosco” in collaborazione con Maria Teresa Alessi

Vi si raccontano storie poetiche e buffe che hanno come protagonista il bosco, i suoi alberi, i suoi animali e le sue creature fantastiche.

Ci s’incontrano bambini che parlano con gli alberi, un serpente ghiotto di uova, una volpe che perde il fiuto ma poi lo ritrova con l’aiuto del “buon selvaggio”, un ghiro che s’inventa un mostro per difendersi dai nemici e poi lo incontra veramente, un buffo scoiattolo in cerca di amici,  una bambina che costruisce la sua casetta nel bosco, e poi ancora piccoli tassi, gufi saggi e un vecchio  boscaiolo con la scure.

Lo spettacolo è nato dalla collaborazione tra “Il Gufobuffo “di Torino e “L’Isola Felice” di Padova, ed è raccontato con pupazzi animati a vista, costruiti con materiali naturali offerti dal bosco: legno, foglie, pigne, ghiande, nocciole.

A seguire un laboratorio di costruzione di animali del bosco.

http://xoomer.virgilio.it/gufobuffo/

Annunci